Angelo Vaccarella

Vai ai contenuti

Menu principale:

"Una nave in un porto è al sicuro, ma non è per questo che le navi sono state costruite" Benazir Bhutto


"13 febbraio 2000. Haven City era una piccola e tranquilla città situata nella Contea di Knox, nella parte meridionale del Maine, stato federato degli Stati Uniti. Edward aveva solo 14 anni quando suo padre, lo sceriffo Dylan Sherman, fu trovato senza vita sulla strada sterrata che porta alla foresta bianca. Un grande abete si era abbattuto sulla sua auto. Ted, così chiamavano il ragazzo, e sua madre Meryl, non avevano mai creduto a quella versione dei fatti. Diventato agente di polizia molto giovane come il padre, Ted, a trent’anni, fu nominato vice sceriffo dal capo della polizia Wayne Bennet, soprannominato “Reed”, per via del colore dei suoi capelli. Amico d’infanzia di Dylan e da sempre segretamente innamorato di Meryl, lo sceriffo si era preso cura degli Sherman come se fosse stata la sua famiglia. Sedici anni dopo quel tragico evento, la tranquilla cittadina di Haven City fu scossa da violenti omicidi. La difficile collaborazione tra gli Agenti dell’FBI e la polizia locale, rese inizialmente le indagini particolarmente complicate. Senza un movente e dopo che furono trovati degli strani segni tatuati sul collo delle vittime, pensarono di trovarsi di fronte ad un caso di omicidi rituali come quelli commessi dalle sette sataniche. Ma la scoperta di grossi filoni d’oro nel sottosuolo di Haven City portò ad una svolta nelle indagini. Accecato dalla rabbia e dalla sete di vendetta, Edward Sherman, metterà in pericolo la sua vita, decidendo di fare delle indagini per conto proprio. Una serie di avvenimenti rocamboleschi e di grande tensione, porteranno all’arresto di diverse persone. Ma proprio quando il caso sembrerà risolto, ci sarà un colpo di scena che terrà il lettore con il fiato sospeso. L’assassino è ancora libero, ma in un finale ad alta tensione e ricco di suspense, sarà svelato il suo volto".
Angelo Vaccarella
Il segreto di Haven City
Trhiller - 2017
ISBN-10: 1520932383
ISBN-13: 978-1520932385
Independently published






Le mie pubblicazioni dal 1984 ad oggi
Iconografia: Immagini dell'Invisibile
Un itinerario ed un incontro nella bellezza originaria



Queste pagine sono dedicate all'arte sacra. Affreschi, icone, crocifissi, tutte opere realizzate con la tecnica della tempera ad uovo. Inoltre sono elencati i luoghi, in Italia e all'estero, dove sono esposti i miei lavori. Troverai anche un elenco cronologico delle moste e degli eventi che ho fatto dal 1990 al 2010 e  le recensioni scritte sulle mie opere, tratte da quotidiani e periodici. Buona navigazione!
Angelo Vaccarella: realizzazione ciclo iconografico e ciborium
per il Tempio del Volto Santo di Capodimonte a Napoli



Il 22 ottobre 2016 durante la Santa Messa di ringraziamento per la promulgazione del Decreto sulle Virtù Eroiche di Padre Sosio Del Prete, OFM, Fondatore della Congregazione delle Piccole Ancelle di Cristo Re, Sua Em.za Card. Crescenzio Sepe, Arcivescovo Metropolita di Napoli, benedice le tre grandi icone e il ciborium.  Guarda le foto
Angelo Vaccarella I superstiti del morgabin
Romanzo - 2013
ISBN 978-88-97595-23-6 - Franco Di Mauro Editore
Formato cartaceo 15x21 - Pagine 136 - € 10,00



PROLOGO

Quel pomeriggio d’estate il cielo di Saint Denis era iridescente. All’orizzonte grandi nuvole rosse e viola esplodevano in un fronte di fuoco mentre stormi di uccelli volteggiavano in aria creando forme dinamiche e spettacolari. Sembrava il tempo perfetto per una breve gita in barca lungo le coste de l’Ile de La Réunion. Mancava poco più di un’ora al tramonto del sole e il Morgabin, un piccolo gozzo in legno, era pronto a salpare dal porticciolo con l’ultimo gruppo di turisti della giornata. La vita scorreva tranquillamente su quel meraviglioso angolo di paradiso naturale immerso nell’oceano Indiano. In un’atmosfera simile a quella che si respirava ai tempi dei pirati, la cittadina, non troppo affollata, si fondeva in perfetta armonia con la natura selvaggia, ricca di spiagge bianche e montagne rigogliose di vegetazione. Nessuno avrebbe mai immaginato che di lì a poco, si sarebbe scatenata all’improvviso una furiosa tempesta, che avrebbe messo in pericolo le vite dei gitanti e del Capitano del Morgabin. Una notte lunga e terribile, trascorsa in balìa delle onde e di precipitazioni estreme. La paura di morire restituisce alla gioia della vita e apre alla luce della Verità. Nascerà un misterioso bisogno di cercare l’altro, per vincere il proprio dolore e resistere al largo fino a che il mare si calmi. Dio si servirà di questo avvenimento per aprire una breccia e tracciare una strada nuova nel cuore dei nostri protagonisti. Riuscire a vincere la battaglia con se stessi sarà l’impresa più difficile della loro vita. Nulla sarà più come prima per loro. (Vai alla scheda)
L’amico dell’uomo
di Angelo Vaccarella
(11-02-2015 - © All rights reserved)

Sono l’amico sincero e gioviale,
di un uomo che la gente chiama Gastone.
Vive in un piccolo monolocale
fatto con scatole di cartone.
 
La sua casa è un po’ speciale,
non ci sono oggetti o mobili per arredare,
c’è solo l’essenziale:
una coperta di lana color verde militare.

È una camera piccola, stretta,
questo, per la verità, è l’unico svantaggio.
La sera, infatti, se non rincasa in fretta,
la trova già occupata da qualche povero randagio.

Una busta con del pane vecchio,
una bottiglia d’acqua quasi finita,
un vetro rotto che fa da specchio
e la corona del Rosario fra le dita.

Con queste poche cose, preziose come l’oro,
al calar del sole, Gastone, ritornava al suo rifugio.
Dopo tanto vagabondare desiderava un po’ di ristoro,
ma nella sua dimora riposava già un segugio.

Allora s’incrociarono i loro sguardi per un istante:
“non cacciarmi”, sembrava dire quel cane senza padrone.
Un sincero sorriso fu la risposta del mendicante,
che lo accolse, con amore, nella sua casa di cartone.

Così dal quel giorno, per gratitudine e per compagnia,
diventai l’amico fedele di uno straccione, di un barbone.
E ancora oggi vivo con lui e non desidero scappare via,
non l’abbandono, sono serio, sono un cane, non un traditore!

Amo il mio padrone con autentico amore,
anche quando è ubriaco e mi fa qualche torto,
continuo ad amarlo senza limiti e senza rancore,
perché come me ha molto sofferto.

Sono l’amico sincero e gioviale,
di un uomo che la gente chiama Gastone.
È una persona davvero speciale,
anche se per il mondo è solo un barbone.
Pittura - Anno 1987
Cane randagio - Olio su tela cm 30x40



In queste pagine ho raccolto alcune mie opere realizzate dagli anni 80 ad oggi. Dipinti ad olio, ad acrilico, disegni a china, sanguigne, gessetti, tecniche miste, trompe oeil. Guarda le foto
Angelo Vaccarella - Copia d'autore
Canestra di frutta del Caravaggio - Acrilico su tela cm 60x80





Giornalismo: vignette di satira politica e di costume. Questa che stai per visitare è una sezione molto ampia. Oltre ai miei articoli scritti dal 2006 ad oggi, (ne ho voluto pubblicare solo alcuni che si riferiscono al periodo di collaborazione con il settimanale Nuova Stagione della diocesi di Napoli), c'è anche l'intera raccolta di vignette di satira politica e di costume realizzate per diversi quotidiani della mia città, dal 1984 al 1985. Inoltre troverai numerose "strisce" del simpatico ed imprevedibile "Don Cleraldo", prete sui generis, nato dalla ia fantasia e dalla mia penna, lanciato sul quotidiano Napolinotte il 6 ottobre del 1985. Numerose altre strisce di personaggi inventati e noti, per strappare un sorriso al lettore di fumetti.
Buona navigazione!

Restauro - raccolta di immagini di dipinti su tavola e su tela e di statue policrome, prima e dopo il restauro. Ho sperimentato che una buona conoscenza delle tecniche di restauro di un'opera d'arte, ti permette di raggiungere anche un buon grado di professionalità e di specializzazione nel campo della pittura. La pagina è in lavorazione. Sarà in linea al più presto.



Angelo Vaccarella - P. IVA 07888231219
Torna ai contenuti | Torna al menu